Che cos’è lo Spyder Checkr 24?

Ti sei mai chiesto cosa sia un color chekr? Lo Spyder Checkr 24 è un pannello di riferimento per far corrispondere diverse camere o semplicemente unire dal punto di vista colorimetrico varie immagini. E’ uno strumento usato sia da fotografi che videomaker per ottenere sempre immagini con colori corretti.

Cos’è un color checkr?

Il Color Checker, semplificando, non è altro che un cartoncino con una serie di quadrati colorati e ne esistono di vari tipi, quello più comune è quello con 24 tasselli. Questo cartoncino originariamente si chiamava Color Rendition Chart ed è stato presentato in un articolo sul Journal of Applied Photographic Engineering del 1976 prodotto da Macbeth, successivamente da Gretag Macbeth, e attualmente da X-Rite in seguito all’acquisizione di Gretag Macbeth.

A che cosa serve un color checkr?

In fotografia digitale tipicamente si usa ColorChecker per gli scopi seguenti:

  • bilanciamento del bianco fatto via software in un Raw converter;
  • creazione di profili colore di fotocamera secondo gli standard ICC e DCP;
  • calibrazione di caratterizzazioni di fotocamera (Adobe Camera Raw e Lightroom);
  • verifica dell’esposizione della scena;
  • bilanciamento del bianco fatto direttamente con la fotocamera.

Bilanciamento del bianco fatto via software in un Raw converter

Nella scena si posiziona un Color Checker oppure si fanno due scatti della scena, uno con e uno senza Color Checker; si scatta in Raw e nel Raw converter si imposta il bilanciamento del bianco sulla seconda tacca dell’ultima riga (grigio neutro chiaro).

Creazione di profili di colore di fotocamera ICC e DCP

Vari software consentono la creazione di profili di fotocamera secondo ICC e supportano Color Checker. Alcuni sono elencati in questa pagina del blog. Invece, ci sono attualmente solo due software che consentono la creazioni di profili secondo DCP (DNG Camera Profile) e precisamente DNG Profile Editor di Adobe.

Calibrazione di caratterizzazioni di fotocamera in ACR e Lr

Adobe Camera Raw e Lightroom utilizzano, per la conversione dei dati Raw in dati RGB ProPhoto, matrici di caratterizzazione per due temperature di colore che vengono interpolate per ottenerne una, che è quella che viene usata. Questa matrice è generica per tutti gli esemplari di una data fotocamera, ma può essere “messa a punto” o “calibrata” con le impostazioni di Calibrazione, le quali a loro volta vengono fatte sulla base di un Color Checker e di uno script (in teoria si può fare anche a mano).

Bilanciamento del bianco fatto direttamente con la fotocamera

Molte fotocamere permettono di regolare il bilanciamento del bianco fotografando full frame una superficie neutra (white balance preset).

Nel ColorChecker si può fotografare per esempio la seconda o terza tacca dell’ultima riga, se si riesce ad ingrandire a sufficienza, ma non sono tacche perfettamente neutre.

Vuoi noleggiare il Spyder Checkr 24? Clicca qui! Invece se vuoi condividere con noi i tuoi shooting, condividi taggandoci su Instagram.