Memoria SD

La sigla SD sta per Secure Digital ed è un formato di schede di memoria per memorizzare in formato digitale. Nei primi anni 2000 è stato incluso nei personal computer e macintosh il lettore per schede SD. Queste schede sono di tipo NAND. Bisogna prestare attenzione ad un importante dato: i moderni SSD sono dotati della stessa tecnologia di memoria però non va dato per scontato che le schede SD abbiano la stessa velocità degli SSD che può raggiungere una velocità massima di 560 MB/s, mentre una memoria SD può raggiungere una velocità massima attuale di 300 MB/s. 

Formati

Esistono 3 diversi formati di schede SD: formato originale (32 x 24 x 2,1 mm) usate nei computer, macchine fotografiche e videocamera; miniSD (21,5 x 20 x 1,4 mm) e microSD (11 x 15 x 1 mm) adottato nei telefoni e droni.

Tagli di memoria

Le memorie SD hanno vari tagli di memoria. Va da sé che un numero maggiore di spazio permette di catturare un maggiore quantitativo di immagini, video, musica, dati. Per non creare confusione, la SD Association ha stabilito indicatori per differenziare i tipi di memorie e l’ha fatto in base alla capacità:

  • SD, andava da 128 MB a 2 GB;
  • SDHC, Secure Digital High Capacity, hanno una memoria fino a 32 GB, velocità di lettura/scrittura di 2.2 MB/s ed ha avuto una vita abbastanza breve, presentata nel 2007 e uscita dal commercio nel 2009;
  • SDXC, Secure Digital eXtended Capacity, hanno una memoria fino a 2 TB con bus iniziale di 104 MB/s. Nel 2009 viene annunciato una nuova specifica SD 4.0 che porta la velocità a 300 MB/s in seriale anziché parallelo e cifratura a 128 bit.

Velocità

Le schede di memoria SD possono essere classificate anche seconda la velocità di lettura e/o scrittura (classe di velocità, speed rate). La classificazione per classe di velocità indica la velocità di scrittura minima garantita dallo standard. Questo tipo di classificazione è importante nel mondo fotografico per le raffiche, momento nel quale in un solo secondo vengono salvate svariate decine di megabyte di dati passate dal buffer della camera. Il buffer della camera si può riempire per colpa di una scheda di memoria con una velocità di scrittura troppo lenta. Ciò comporta l’interruzione della raffica. Nel mondo video, invece, una scrittura troppo lenta della scheda comporta il drop frame e l’interruzione della registrazione.Le classi sono:

  • Class2: Velocità minima di scrittura di 2 MB/s,
  • Class4: Velocità minima di scrittura di 4 MB/s,
  • Class6: Velocità minima di scrittura di 6 MB/s.
  • Class10 / U1 / V10: Velocità minima di scrittura di 10 MB/s, sufficiente per un 1080p @ 24p/25p/30p con un bus UHS-I,
  • U3 / V30: Velocità minima di scrittura di 30 MB/s, standard SD 5.0 e sufficiente per un 1080p @ 50p/60p in LongGop con un bus UHS-II,
  • V60: Velocità minima di scrittura di 60 MB/s, standard SD 5.0 e adeguato per un 1080p/3840p/4096p @ 24p/25p/30p in All-Intra con bus UHS-II,
  • V90: Velocità minima di scrittura di 90 MB/s, standard SD 5.0 e adeguato per un HD, C4K e 8K con bus UHS-III.

A volte la velocità della scheda non viene indicata con una delle sigle precedenti bensì con un valore numerico seguito da un per (x). I valori più comuni sono “633x” e “1000x”. Cosa vuol dire? Vuol dire che la velocità viene moltiplicata per un valore standard, ovvero la velocità di lettura di un CD, ovvero 150 KB/s. Quindi una 633x ha una velocità di 95 MB/s (V30), mentre una 1000x è da 150 MB/s (V60).